Decathlon apre i punti vendita a tirocini di persone con sindrome di Down

La sperimentazione avviata nel 2017, grazie al sostegno economico di LVMH, ha prodotto un risultato importante: un protocollo d’intesa per favorire assunzioni di persone con sindrome di Down. A sottoscriverlo: Decathlon, Aipd e Agpd.
È il punto di arrivo di un’attività avviata nei punti vendita di Milano, Roma e Bologna, coinvolti nella profilatura attenta delle persone da inserire e in percorsi di formazione destinati ai colleghi.

Ora il colosso francese ha deciso di siglare un protocollo d’intesa a livello nazionale, impegnandosi  ufficialmente, ad intraprendere un percorso finalizzato all’assunzione di persone con sindrome di Down.
Decathlon, diffonderà in tutti i negozi della catena i metodi, gli strumenti e le esperienze positive già realizzate per  avviare nuove esperienze di inserimento lavorativo su tutto il territorio nazionale. Si partirà con dei tirocini di almeno 6 mesi, per un impegno massimo di 25 ore a settimana e regolare indennità, fino ad arrivare, laddove la valutazione fosse positiva, ad assunzioni a tempo indeterminato.